E-MTB, filosofia e tecnica del mezzo del futuro

E-MTB noxon

E-MTB , filosofia e tecnica del mezzo del futuro

L’argomento più dibattuto del periodo, tra noi biker da sempre attenti a tutto ciò che accade nel nostro ambiente, riguarda sicuramente le E-MTB. Voi da che parte state? Scopriamolo insieme.

Articoli su articoli si susseguono elogiando le potenzialità delle E-MTB o dichiarandole dei mostri alla stregua di una moto da supercross, discussioni infinite si dipanano tra i social con toni più o meno aspri.

Mentre questa sorta di battaglia tra fazioni prende campo senza un senso apparente il mercato già da tempo si è mosso per offrire a tutti i clienti potenziali e non le performance migliori. Noi stessi abbiamo realizzato una gamma ruote dedicata, con un prodotto di fascia intermedia adatto a chi vuole migliorare la propria bicicletta senza spendere un capitale ed una ruota di fascia top per utilizzo race, in quanto crediamo fortemente in questa nuova filosofia E-MTB che via via sta prendendo sempre più piede.

 

Questo articolo nasce appunto per dare alla luce il nostro punto di vista da atleti, bikers, costruttori ma soprattutto amanti di tutto ciò che circonda il mondo delle due ruote.

Analizzando velocemente le E-MTB dal lato tecnico prendiamo in esame i modelli a pedalata assistita, ovvero dotate di un sensore che registra la forza da voi applicata sui pedali e fornisce un supplemento extra. Niente manette del gas tipo motorino insomma, solamente un ausilio alla normale pedalata.

Le geometrie si sono brevemente evolute e le performance sono spettacolari, i pesi sono scesi in pochissimo tempo rendendo la guida agile ed emozionante. Grazie ai watt in più si possono affrontare passaggi più impervi (a patto di possedere la tecnica giusta, come sapete la potenza è nulla senza controllo) mentre la durata delle batterie ormai garantisce un intero giorno di autonomia.

E-MTB noxon enduro

Gli accorgimenti tecnici da adottare sono molti, a partire da trasmissioni più robuste e raggiature massicce come quelle trovate sulle Elexon così come tecnologie a tutto vantaggio della rigidità come il boost. I telai in carbonio ed alloggiamenti motore e battieria a scomparsa donano a queste bici linee snelle ed accattivanti. Purtroppo però vedono ancora alcuni detrattori, ed i dibattiti sul tema si sprecano.

Tipicamente nelle discussioni riguardanti i pro e contro delle E-bike possiamo delineare tre profili generici, nei quali probabilmente vi riconoscerete subito.

  • Il garista incallito
  • Il pedalatore della domenica
  • L’amante dei giri panoramici ad ampio respiro

Queste tre categorie di solito sono abbastanza chiuse, in quanto ciascuna richiede tempo ed attitudini differenti.

Il garista ha a disposizione tempo per allenarsi, un’ottica che include il sacrificio e la fatica, un obiettivo da perseguire. Determinato e sicuro di sè non desidera far parte delle altre due categorie, sebbene nei periodi fuori gara non disdegna pedalate ad ampio respiro.

Il pedalatore della domenica non ha solitamente tante pretese, gli basta fare il suo giro nel weekend con gli amici. Spesso la meta coincide con ristoranti o punti di interesse e non avendo molto tempo in settimana la resistenza è quella che è. Guarda con invidia l’amante dei giri ad ampio respiro. Conscio della preparazione richiesta che difficilmente coincide con lavoro, famiglia ed impegni si consola con la buona compagnia e la possibilità di rilassarsi in bici.

L’amante dei giri ad ampio respiro ha un’ottima preparazione generica, vive le sue uscite con fine esplorativo. Ogni giro ha come focus un percorso particolarmente suggestivo, dei sentieri accattivanti e tecnicamente non banali, l’aspetto race è lasciato in secondo piano per godersi la natura.

E-MTB tour trip noxon

Ecco, se vi siete riconosciuti in una delle categorie sapete benissimo che non è finita qua e che le discussioni prendono pieghe che in pochi si aspetterebbero!

Ad esempio, le sfaccettature di una gara di Enduro rendono le E-MTB un ottimo mezzo per effettuare prove del percorso. Sinceramente preferiamo di gran lunga vedere gruppetti di bikers nei boschi che provano le PS piuttosto che essere affumicati dalle navette di passaggio. Chi ha mai fatto almeno una gara di Enduro sa di cosa parlo. Anche allenarsi con una E-MTB è vantaggioso, si può accumulare fondo in poco tempo grazie alla capacità di mantenere i battiti alla giusta soglia nonostante le variazioni di pendenza. Questo aspetto comincia infatti ad interessare anche i garisti XC, non tutti disponiamo di pianure o lunghe strade ed allenare il fondo non è semplice per tutti.

E-MTB country noxon

Non tralasciamo le numerose competizioni per E-bike che popolano il calendario, a volte cercare nuovi stimoli è un ottimo modo per assimilare diversi gesti tecnici e ritrovare la motivazione nell’allenarsi.

Sfatiamo quindi un mito, quello che vede le E-MTB mezzi ideali per ciclisti non allenati o anziani.

Da grandi amanti dei giri epici, dei panorami e dei tour ci chiediamo invece perchè limitare le possibilità esplorative e non abbracciare la filosofia E-bike. Quante volte arrivati in un luogo avete notato una deviazione interessante, un sentiero mai fatto, ma avete mantenuto la traccia conosciuta per paura di non avere il tempo di chiudere il giro o di trovare difficoltà eccessive? Avendo a disposizione qualche watt extra molte pendenze diventano pedalabili senza grande difficoltà. Potete concedervi deviazioni dalla traccia alla scoperta di nuovi sentieri senza timore di finire il tempo a tutto vantaggio dell’avventura. Insomma stesso tempo, stessa fatica ma giri più lunghi e più avventurosi.

E-MTB tour noxon

Ed ovviamente non ci siamo dimenticati dei ciclisti che possono concedere alla loro passione un solo giorno del weekend, proprio quelli che grazie ad una E-bike potrebbero trovare la gioia di allungare la portata dei loro giri senza incidere sul tempo a disposizione. Ognuno ha la possibilità di ampliare i suoi orizzonti, aumentare le distanze percorse in sella, godere maggiormente del suo tempo.

Una nuova idea di libertà in grado di coinvolgere tutti, dal più allenato fino a chi non riesce a districarsi tra giornate dense di impegni ed inforca la bici solo alla domenica.

Le obiezioni solitamente riguardano più un discorso etico che altro, e vertono per la maggior parte sulla purezza o meno dello sforzo.

In poche parole, lo sforzo utilizzato per produrre una prestazione “muscolare” risulta per alcuni più nobile della prestazione realizzata con la bici elettrica. E’ logico discriminare a questi livelli le scelte di molti?

Potremmo dire che in realtà è un discorso inutile, il solito “celolunghismo” e che, amici cari, “veramente siete interessati a come quel tizio che nemmeno conoscete ha portato a termine il suo giro serale?” 

e-mtb race track noxon

Approcciando scientificamente la questione smascheriamo velocemente le malelingue. Se per ipotesi l’assistenza elettrica raddoppia i watt e sono abituato a fare il mio giro da 40km in 3 ore, probabilmente ci avrò messo un’ora e mezza facendo la medesima fatica oppure 3 ore facendo metà della fatica richiesta dalla bici normale. Nessuno però gira volutamente a metà del ritmo che gli è consentito dal suo allenamento! Quindi ne risulta che nelle 3 ore a mia disposizione avrò percorso il doppio, o quasi, dei km con la medesima fatica che avevo fatto il weekend prima a farne 40.

Ho visto più posti, ho incontrato maggiori difficoltà tecniche sfidando più sentieri, ho riscontrato maggior appagamento dal mio giro.

O forse era meglio chiudere gli occhi, negare tutto quanto e limitarmi al mio solito giro da 40km?

Chi risulta poco furbo alla luce di questi fatti?

Ricordiamo sempre che in bicicletta si va in due modi, il primo con tabella e classifica, e tutti corriamo con mezzi dalle medesime potenzialità.

Il secondo metodo è quello allenante oppure esplorativo a discrezione di chi è sul sellino, ricercando sensazioni, benessere, appagamento dal nostro tempo libero senza confronti con nessun altro.

Perchè quindi, praticando uno sport che non prevede confronti se non in gara, permettersi di giudicare la scelta di qualcuno che utilizza la bicicletta elettrica per arrivare più lontano, allenarsi meglio, recuperare prima da un infortunio o magari semplicemente godersi la natura nonostante problemi fisici?

e-mtb noxon trip

Le E-MTB sono ormai una realtà del nostro mondo, figlie di un progresso tecnologico volto a migliorarci la vita e la qualità del nostro divertimento. Capibile la scelta di non utilizzarle per il prezzo elevato oppure per le differenti sensazioni dal punto di vista di un discesista. Ma chi si oppone da un punto di vista “etico” appare un po come chi nei primi del ‘900 osteggiava le auto preoccupandosi per l’incolumità dei carretti con i cavalli, senza riuscire a comprendere che questi ultimi sarebbero velocemente scomparsi e l’auto sarebbe stata portavoce di una rivoluzione assoluta.

E-BIKE elexon noxon

 

Noi come Noxon Bike crediamo fermamente in questa possibilità di maggior divertimento regalata a tutti i ciclisti. Come azienda attenta alle vostre esigenze e necessità di migliorare le performance ci impegnamo a fornirvi i migliori prodotti per E-bike cercando di essere parte integrante ed attiva, insieme a voi, di questo cambiamento epocale che sta vivendo il mondo della bicicletta.

Auguriamo a tutti buone pedalate, elettriche o meno!